Error message

Notice: Undefined index: localized_options in menu_navigation_links() (line 1873 of /var/www/drupal-7/includes/menu.inc).

Guido Carli

GUIDO CARLI, ha una lunga storia di successi nel mondo sportivo. La vocazione per lo Sport sin da bambino è più forte di ogni altra cosa, nel 1995 a soli 23anni interrompe gli studi presso l'Ospedale Universitario Molinette San Giovanni battista di Torino per fondare l'associazione Sportforma.

Dal 1998 per scelta obbligata dalle regolamentazioni CONI che non permettono al tecnico di fare l'atleta nella stessa disciplina, sceglie di combattere come lottatore per la FIJLKAM che gli ha dato la possibilità di conoscere, allenarsi ed affrontare atleti anche di livello olimpico e internazionale, l'appuntamento più importante in cui si é cimentato per anni é il campionato italiano di lotta GR, combatte sino al Novembre 2006 dove a Bari nell'ultimo titolo assoluto per un grave infortunio é obbligato ad interrompere la carriera agonistica da lottatore, nel 2001 vince la Coppa Italia categoria 130kg in stile GR (Grecoroman). Sull'altro Fronte lavora come Coach allevando pugili di tutti i livelli per la Federazione Pugilistica Italiana dove é Maestro e tecnico Nazionale dal 2003. Da quattro lustri Guido Carli introduce centinaia di ragazzi, dalle comuni attività di palestra all'agonismo sportivo di alto livello, nelle recensioni del documentario Boxe Olimpica realizzato dalla BabyDoc film, si narra che sia posseduto da un spirito che la stragrande maggioranza dei dirigenti e degli operatori sportivi considera un fenomeno trasversale a tutte le ideologie politiche, religiose o razziali che si tramanda da generazioni in generazioni tra tecnici di altissimo livello.

Manager e tecnico sportivo di origine franco italiana, é noto anche nel mondo cinematografico come Maitre d'armes: nota di considerazione tra i lavori più importanti, nel 2009 riceve un'ingaggio da SKY Cinema come Boxing Consultant del documentario con regia di Simone Del Vecchio, presentato da "Marvelous" Marvin Hagler che in 12 round-capitoli si racconta del legame tra cinema e boxe, essendo incaricato come supervisore sul set e del completamento del cast dove sono parte Marvelous Marvin Hagler, George Foreman, Hillary Swank, Sugar Ray Leonard, Laila Ali, Jake La Motta, Joyce Carol Oates, Will Smith, Sylvester Stallone, Talia Shire, Rino Tommasi, Guido Carli, Giovanni Parisi, Emanuela Audisio, Nino Benvenuti, Francesco Salvi, seleziona i maestri, arbitri e pugili Italiani.

Pioniere e promotore della diffusione del White Collar Boxing in Italia, viene convocato in una riunione a nord del Regno Unito dalla European Boxing Federation, in un meeting é presente anche Evander "real deal" Holyfield per realizzare la delegazione Italiana in un progetto che rivoluzionerà a breve il pugilato in europa, in questo meeting stringe amicizia con James Ward il segretario generale dell'European Boxing Federation che le illustra il progetto del semiprofessionismo, inteso come un vero mezzo affinché il pugilato possa essere introdotto ai massimi livelli mondiali anche in un paese come l'Italia dove poco o nulla si conosce sul White Collar Boxing, sulle sue ragioni e perché questo possa contribuire fortemente all'evoluzione del pugilato professionistico.